Servizi

Noi di Æquor conosciamo le problematiche relative alla gestione degli adempimenti obbligatori di sicurezza per la tua azienda (D.Lgs 81/08 e s.m.i.). Lo facciamo da sempre.

  • Nuova proposta Paracadute

    paracadute aequor

    clicca sul paracadute per i dettagli della proposta
  • Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

    La nomina del Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP) fa parte degli obblighi che il Datore di Lavoro non può delegare.

    Il tecnicismo normativo introdotto consiglia che l’assunzione di tale incarico venga attribuita a soggetti “competenti” in possesso di requisiti professionali.

    I nostri RSPP, oltre che svolgere le funzioni previste dalla normativa assistono le aziende nelle seguenti attività:

    – Gestione dei rapporti con gli enti istituzionali e di controllo : in caso di verifiche di enti di controllo, un nostro tecnico vi affiancherà nella gestione della visita.

    – Controlli periodici: a secondo delle esigenze e necessità della struttura dell’azienda, verranno pianificate delle visite periodiche negli ambienti di lavoro.

    – Riunioni periodiche con il datore di lavoro ed il SPP: come previsto dalla normativa, per le aziende sopra i 15 dipendenti, il RSPP coordinerà la riunione periodica annuale con i rappresentanti della sicurezza (RLS),il Datore di lavoro, il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) e il medico competente MC (se previsto), nel corso della quale verranno affrontate le tematiche più importanti per l’azienda a livello di sicurezza ed igiene nei luoghi di lavoro.

    aequor paracadute– Assistenza telefonica continua: a disposizione dei nostri clienti che hanno scelto di affidarci l’incarico, il RSPP e l’ufficio tecnico sono a disposizione per chiarire eventuali dubbi o per fornire informazioni in merito alla sicurezza dei luoghi di lavoro, dei macchinari, della formazione e degli adempimenti obbligatori.

    Il nostro Direttore Tecnico è membro della Commissione Sicurezza dell’Ordine degli Ingegneri di Milano.

    Sanzioni

    In caso di inadempimento, il datore di lavoro è punibile con arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da € 2.740 a € 7.014. In base all’allegato I al D.Lgs. 81/08 l’inadempimento può portare all’adozione del provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.

  • Nomina medico competente e sorveglianza sanitaria

    Nell’ambito dell’insieme degli atti finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione all’ambiente di lavoro, il datore di lavoro è tenuto a nominare il Medico Competente, specialista in medicina del lavoro, e, ove obbligatorio, attivare il Servizio di Sorveglianza Sanitaria.

    medico-competenteSulla base di visite mediche preventive e periodiche, o effettuate su richiesta dei lavoratori, il Medico Competente istituisce e aggiorna, per ogni lavoratore, una cartella sanitaria e di rischio, da custodire separatamente per la salvaguardia del segreto professionale.

    Æquor è in grado di fornire la collaborazione di medici dotati di specifica competenza ed abilitazione che si prestano ad essere nominati al conferimento di tale delicato incarico. E’ possibile verificare se un medico competente è abilitato ricercandolo nel portale del ministero: http://www.salute.gov.it/MediciCompetentiPortaleWeb/ricercaMedici.jsp

     

    Obblighi e sanzioni per l’inadempimento
    In caso di inadempimento, arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da € 1.644 a € 6.576 al datore di lavoro.

  • Assistenza ASL e tribunali

    Un lavoratore della tua società ha subito un infortunio? In seguito ad un controllo gli enti competenti hanno prescritto alla tua azienda di adempiere agli obblighi di sicurezza?

    Ti forniamo assistenza legale specialistica, nei rapporti con le ASL e i Tribunali, per tutte le tematiche e le contestazioni relative al sicurezza sul lavoro ed al D.Lgs. 81/08.

    Svolgiamo in particolare attività di consulenza e assistenza nei procedimenti amministrativi e di difesa nei giudizi,Martello_giudice assistendo i nostri clienti, tenendo conto del sistema normativo e dell’organizzazione degli apparati pubblici, sul controllo amministrativo giuridico-formale della documentazione.

    Il cliente verrà seguito da professionisti competenti per materia e qualificati ad esserlo sia giudizialmente sia stragiudizialmente, in modo personalizzato, rapido ed efficace.

  • DVR Documento di valutazione dei rischi

    Il Documento di valutazione dei rischi in azienda è obbligatorio, così come disposto dal D.Lgs 81/08. Rientra tra gli adempimenti che il Datore di Lavoro no può delegare e se ne assume la responsabilità.

    Si tratta di un documento che delinea gli interventi da attuare per eliminare o ridurre i rischi e pericoli presenti all’interno dei luoghi di lavoro, dei lavoratori e dei terzi che vi accedono (cfr. Procuratore Raffale Guariniello).

    dvrOgni azienda infatti ha una serie di rischi propri che dipendono dal tipo di lavorazione, dal numero di dipendenti, dalla strutturazione degli spazi e da molti altri fattori.

    I nostri ingegneri assistono il Datore di Lavoro e lo seguono attraverso un iter preciso e sperimentato che porta alla elaborazione del documento, anche con riferimento alle necessarie appendici specifiche.

    Obblighi e sanzioni per l’inadempimento
    In caso di inadempimento, arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da € 2.740 a € 7.014 al datore di lavoro.

  • Rappresentante dei lavori per la sicurezza sul lavoro territoriale (RLST)

    L’EBAFoS (Ente Bilaterale Aziendale per la Formazione e la Sicurezza) ha attivato il servizio RLST (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza sul lavoro Territoriale).

    Il Decreto Legislativo 81/08 stabilisce che la presenza in azienda del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza sul lavoro (RLS) è un obbligo per il datore di lavoro e un diritto dei lavoratori . Tutte le imprese, con almeno un dipendente non in prova, devono avere un RLS, eletto dai lavoratori tra i lavoratori.
    Tuttavia, nel caso in cui i lavoratori non vogliano eleggere un RLS interno, possono dichiarare di volersi avvalere del RLS Territoriale (RLST).

    Il servizio RLST offerto da EBAFoS consente di avere a disposizione, in tempi brevi, professionisti specializzati in materia di prevenzione, protezione, salute e sicurezza sul lavoro in grado di adempiere agli obblighi prescritti dalla legge. Beneficiando di questo servizio l’azienda si avvale di una risorsa preparata, competente, seria ed efficiente. Tutti gli RLST, infatti, vengono attentamente selezionati e formati dell’Ente Bilaterale.

    Quali sono i vantaggi per le aziende?

    • Il datore di lavoro non deve sostenere il costo del corso di formazione per RLS necessario perché uno dei propri dipendenti ricopra tale incarico;
    • Il dipendente non si assenta dal luogo di lavoro per sostenere il corso iniziale (32 ore) e i vari aggiornamenti (8 ore);
    • Gli RLST dell’EBAFoS sono disponibili immediatamente: si evitano così i tempi di attesa necessari per l’attivazione dei corsi e per la formazione dei dipendenti;
    • Il datore di lavoro non si deve fare carico della produzione della modulistica in quanto fornita dall’ EBAFoS;
    • Il RLST fornisce consulenza in materia di sicurezza sul lavoro nell’ambito del suo incarico ed in caso di necessità si può interfacciare con le autorità competenti;
    • E’ possibile usufruire del servizio di RLST senza ulteriori costi aggiuntivi, sfruttando i contributi obbligatori che le aziende versano.

    Per informazioni relative all’attivazione del servizio è possibile contattare direttamente la Segreteria Nazionale a Roma (+39 0773 280953) o scrivere all’Organismo Paritetico Territoriale della Lombardia (+39 02 21118760)

  • Asseverazione

    EbafosÆquor Sicurezza, oltre a fornire la propria attività di consulenza, offre anche un servizio di asseverazione, attraverso la collaborazione con l’EBAFOS (Ente Bilaterale Aziendale per la Formazione e la Sicurezza).

    Il termine asseverazione viene introdotto con il D.Lgs. correttivo 106/2009 (Art. 30 e 51) per dare una possibilità alle aziende di ottenere vantaggi, relativi all’attenuazione delle pene, connessi alla realizzazione degli adempimenti in materia di sicurezza sul lavoro, nonché sgravi contributivi.

    In genere l’asseverazione viene richiesta per tutti quei documenti per i quali si rende necessaria l’attestazione ufficiale, da parte dei soggetti preposti, circa la veridicità di quanto contenuto. Ciò significa che l’Asseveratore deve attestare ufficialmente la corrispondenza di quanto contenuto nei documenti e quanto riscontrato durante i sopralluoghi, assumendosene la responsabilità, con i relativi effetti penali previsti dal Codice Civile.

    QUALI SONO I VANTAGGI PER LE IMPRESE?

    Grazie all’asseverazione, che attesta che il modello di gestione è stato correttamente realizzato, l’azienda può usufruire di numerosi vantaggi:

    • efficacia esimente dalla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche (imprese) prevista dal D.Lgs. n. 231/2001 in riferimento ai reati in materia di salute e di sicurezza sul lavoro
    • sconto prevenzione (attraverso il modello OT/24)
    • riduzione delle visite ispettive da parte degli organi di vigilanza

     

    In materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, l’asseverazione (Art. 30 del D.Lgs. 81/08) riguarda la corretta adozione e l’efficace attuazione dei modelli di organizzazione e gestione per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro(SGSL). L’attestazione viene rilasciata solo dagli organismi paritetici o da enti bilaterali, sempre su richiesta delle imprese.

    Il compito degli organismi paritetici o degli enti bilaterali è quindi quello di asseverare l’esistenza di un’articolazione di funzioni aziendali che assicuri le competenze tecniche e i poteri necessari per la verifica, valutazione, gestione e controllo del rischio (corretta adozione delle linee guida UNI INAIL 2001 o BS OHSAS 18001); nonché un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello.

  • Modelli Organizzativi di Controllo e Gestione

    L’art. 30 del Decreto Legislativo 81/2008 ha sancito la centralità dei modelli organizzativi e dei sistemi di gestione della sicurezza.

    Modelli e sistemi che non devono essere considerati come corpi estranei rispetto al sistema aziendale. Per essere effettivi ed efficaci devono essere tra loro integrati: infatti un sistema di gestione della sicurezza non può essere costruito a prescindere dall’organizzazione per la quale è progettato.

    Sulla base del D.Lgs. 231/2001, le aziende e gli enti in genere possono essere chiamati a rispondere in sede penale per taluni reati commessi nel proprio interesse o vantaggio dai propri amministratori o dipendenti.

    aequor sicurezza_231Con l’espressione “la 231” si fa, pertanto, riferimento al quadro normativo che disciplina la responsabilità diretta delle aziende e degli enti in genere che si aggiunge, senza sostituirsi, a quella (da sempre esistita) delle persone fisiche che hanno materialmente commesso il reato. Il Modello organizzativo mira a impedire o contrastare la commissione dei reati sanzionati dalla 231 da parte degli amministratori o dipendenti.

  • Verifica impianti elettrici

    Secondo quanto stabilito dalla normativa vigente (D.P.R. 462/01), «il datore di lavoro è tenuto ad effettuare regolari manutenzioni dell’impianto elettrico, nonché a far sottoporre lo stesso a verifica periodica ogni cinque anni, ad esclusione di quelli installati in cantieri, in locali adibiti ad uso medico e negli ambienti a maggior rischio in caso di incendio, per i quali la periodicità è biennale».

    Che si tratti di un impianto di un’abitazione o di un’impresa, la cosa fondamentale da tenere sempre sotto controllo è la sicurezza di chi lavora o di chi vi abita. E’ necessario periodicamente far eseguire verifiche impianti elettrici che ne attestino l’effettiva sicurezza, così come delle manutenzioni degli stessi con cadenza calendarizzata. Questa non è solo una buona prassi, negli ambiti lavorativi è a tutti gli effetti un obbligo di legge.

    Per la “Verifica degli impianti di messa a terra”, gli esami a vista prevedono il controllo della presenza e della corretta taratura dei dispositivi di sezionamento e protezione, dello stato di conservazione delle giunzioni sull’impianto di terra, dell’idoneità delle connessioni e delle sezioni dei conduttori di protezione ed equipotenziali. Le verifiche di carattere strumentale si declinano invece in una serie di prove di continuità dei conduttori di terra, di protezione ed equipotenziali, di misurazioni della resistenza di terra, di verifiche del corretto funzionamento degli interruttori differenziali.

    Æquor è leader nazionale nelle Verifica impianti di messa a terra, operando da oltre 10 anni nel settore Radio e annoverando tra i suoi clienti i principali network nazionali.

    verifica impianti elettrici radio

  • Sistema gestione Privacy
    Clicca sull’immagine per il dettaglio della nostra soluzione per la gestione della Privacy